pagina web di Enrico Oliari

 
I miei studi di storia gay
 
Milano, sentenza Corte d'Assise contro Pagliaghi Carlo - 7 aprile 1863
 
In Nome di Sua maestà
 
VITTORIO EMANUELE II
 
Per Grazia di Dio e per Volontà della Nazione
 
RE D’ITALIA
 
La Corte d’Assise del Circolo di Milano
 
HA PROFERITO LA SEGUENTE SENTENZA
 
NELLA CAUSA
 
Del Pubblico Ministero
 
CONTRO
 
Carlo Pagliaghi di Giuseppe, d’anni venti sette celibe, lavandaio, nato nei Corpi Santi di Porta Ticinese[1] e domiciliato alla Cascina Burgorona[2]  nei Corpi Santi di Porta Magenta, detenuto dal venti cinque agosto 1862.
Accusato
Del reato di libidine contro natura commesso sulla persona del fanciullo Giuseppe Campagnoli in altri dei giorni dei mesi di Giugno, Luglio e Agosto 1862 mediante pederastia con susseguente morte del medesimo verificatasi il 25 Agosto suddetto.
Udita la lettura della sentenza di rinvio e dell’atto d’accusa, intesi gli esami ed il dibattimento che ebbero luogo all’udienza tenuta a parte ultima.
Sentito il Ministero Pubblico, la difesa e l’accusato tanto nel merito dell’accusa che nell’applicazione della pena, nonché il difenso. Avv. Pecchio e lo stesso accusato avuti per gli ultimi la parola.
Ritenuto il suddetto oggi pronunciato dai Giuraticon cui viene dichiarato colpevole il suddetto Carlo Pagliaghi del reato di libidine contro natura in danno del sunnominato fanciullo decenne Giuseppe Campagnoli, con grave pregiudizio alla di lui salute.
Avuto in quanto al titolo crimine, che l’articolo 425 del Codice Penale parla in genere di libidine contro natura senza nessuna distinzione di sesso, e che gli altri articoli ivi citati 489 e 490 cui si richiama non riguardano che i modi e le circostanze concernenti il reato, sicché non reggeva l’eccezione della difesa in proposito accampata.
Osservato che la pena da applicarsi sarebbe quella prevista dall’articolo 424 Codice Penale, cioè della reclusione d’anni sette estensibile ai lavori forzati a tempo.
Osservato che attesa la gravità di fatto e relative conseguenze presentatasi giusta l’applicazione della pena dei lavori forzati, anziché della reclusione.
Osservato che per essersi dal verdetto ammesso a favore del Pagliaghi circostanze attenuanti dovevasi la pena diminuire di un grado ai termini dell’Art. 648 del sud.o Codice Penale.
Visti anche gli articoli 21 e 53 Codice Penale e l’Articolo 553 del Codice di Procedura Penale di cui viene data lettura unitamente a quelli sopra citati.
Condanna
Pagliaghi Carlo per reato di libidine contro natura alla pena di anni dieci di lavori forzati, all’interdizione dai pubblici Uffici e al pagamento delle spese processuali da liquidarsi.
 
Milano il sette Aprile 1863.
 
(Seguono le firme della Corte)
 
S.M. con D.o del 5. Agosto 1869 concesse a Pagliaghi Carlo la diminuzione di sei mesi sul resto della pena inflitta allo stesso alla su estesa Sentenza.
Milano 3. Settembre 1869

Note:
[1] Con “Corpi Santi di Porta Ticinese” veniva indicata una località suburbana compresa fra le odierne via Savona e via S. Cristoforo. Trae la sua origine dal luogo dove venivano seppelliti i martiri cristiani d’epoca romana. Tale luogo venne inglobato nel Comune di Milano nel 1873.
[2] Nome incerto.

Metto a disposizione i libri e le ricerche che ho scritto a titolo gratuito, dopo averne riacquisto i diritti. Hanno richiesto approfonditi studi presso archivi di Stato, tribunali e biblioteche; se vuoi contribuire con un'offerta libera, sarà un gesto apprezzato, utile a sviluppare nuovi lavori: per essere comunità noi gay, lesbiche e persone transessuali dobbiamo dimostrare di avere una nostra cultura, un patrimonio identitario.
Clicca qui per Paypal, Postepay e Conto corrente.


pagina delle sentenze di fine '800 - inizi '900
pagina degli studi e delle ricerche gay
www.oliari.com