pagina web di Enrico Oliari

 
I miei studi di storia gay
 

Il Corriere di Catania, 28 maggio 1908 - E sempre i malfattori sudici!
 
A ... Furto o Lenocinio o chi per lui, che dalle colonne dell'Azione pretende di distruggere le mie documentate affermazioni intorno alla tabe omosessualista taorminese con un no altrettanto secco quanto inconcludente, altrettanto settario quanto stupido, potrei rispondere con un proverbio del mio... putrido borgo: che a lavar la testa agli asini si perde il ranno e il sapone. E passar oltre a polemizzare con l'ancora ostinatamente incognito scrittore di Taormina, se un certo ripicco del mio carattere non mi forzasse la mano a ribattere ai signori scarabocchiatori dell'organetto di S. M. Peculato I. di Trapani che gli sgrammaticati sono proprio loro. A me che studiai con coscienza la grammatica, più in casa che alla scuola, preme di stabilire una necessaria differenza fra la mia modesta personalità di scrittore e quella di coloro che rispondendo in tredici righe ad un'accusa di tre colonne, la prendono a difensori della grammatica pur non accorgendosi di offendere essere medesimi nel contempo... l'ortografia! E soprattutto non accorgendosi - in due periodi - ed è tutto dire ! - che in fin dei conti fa d'uopo non più parlare di spudorate calunnie e basse menzogne, gratuite affermazioni, come nel biliosissimo commento del primo articolo, ma di ... non poche inesattezze!
Prendo quindi atto della importante rettifica, la quale esplicitamente sottointende una ufficiale riconoscenza della verità dalla mia parte, e, non senza aver consigliato all'eminente capo paranza dell'Azione di parlar poco d'onore altrui quando poco se ne ha di poco, passo alla diagnosi quella che pretende ad essere replica alle mie categoriche denunzie, stesa dal coraggioso contraddittore locale.
Al quale anzitutto chiedo, se gli talenterà continuare la polemica, di non farla trascendere in così basso loco con piccinerie come quelle del pranzo e del biglietto, specialmente quando queste piccole cose costituiscono delle grandi falsità.
Del pranzo parlai e sufficit; anche perchè non intendo far rivoltare lo stomaco ai lettori con l'amannir loro discorsi gastronomici sulla tavola rotonda di tante porcherie fisiologiche, care tutt'al più ai carneadi del giornale nasiano.
Quanto biglietti di congratulazione ho il dispiacere di dover dichiarare all'avversario che ne ho ricevuti parecchi, anche dall'estero, come mi si fece l'onore di suntare le mie pubblicazioni da parte di notevoli fogli quotidiani - cito a caso il Corriere di Genova, La Lombardia, il Tempo di Milano, l'Italia e l'Umanité di Parigi, la Provincia di Brescia, il Paese di Udine, l'Eclaireur di Nizza e molti altri come che perciò non mi spiego a che cosa egli intenda alludere se non al favore che in ogni coscienza onesta e in ogni pubblico morale ha avuto senza dubbio la fortuna di incontrare la mia campagna di luce e di purezza.
Soggiungo che sono lieto di aver provocato la soddisfazione e l'arcicontentezza del corrispondente taorminese, con la promessa di agitar lo staffile  per tutti in generale e di umiliare ai piedi del Ill.mo Procuratore del re - attento sempre,  proto (sic!) alla lettera minuscola - le prove di quanto affermo.
Certo, io non aspetto se non un cortese interessamento del Magistrato per metterlo al corrente di tante belle cose e per fargli toccare con mano... inguantata il "fango e il lezzo onde si disgrava" tanta figliuolanza degenere di questa cittadina.
Che se poi il Magistrato facesse il ... funzionario italiano, si troverebbe il modo di allargargli il padiglione delle orecchie con qualche opportuna tiratina... parlamentare!
A buon intenditor, con quel che segue.
Grazie vivissime poi - quasi collega taorminese - dell'attestato di buona fede rilasciatomi senza regolare domanda su carta da bollo. Ma ve ne potevate dispensare. Io non sono ancora redattore di alcun foglio del genere di quelli cui regalate la vostra prosa, e la buona lode della gente come me è condizione aprioristica della propria onestà.
E veniamo al sodo:
Io riportai nell'ultimo articolo una notizia che voi chiamate sensazionale, e lo è difatti, relativa al Pluschow, cugino materno di W. von Glieden (sic!) che io accuso di vendere fotografie eccitanti all'omosessualismo e di essere l'importatore indigeno di questa esotica malattia. Voi categoricamente mi smentite. Io mi limito a far ismentire la vostra smentita dai seguenti documenti: (dal Corriere di Catania N. 340 del 6 dicembre 1907): Uno scandaloso processo - l'industria di un tedesco speculatore del vizio. - "Quanto prima a Roma si dibatterà dinanzi al tribunale correzionale il processo contro Guglielmo Pluskow, tedesco, che richiamerà l'attenzione della stampa sulle tendenze del quale ultimamente si è occupata la stampa europea in rapporto ai processi di Berlino (Tavola Rotonda) che rovinarono moralmente i generali del gabinetto dell'imperatore.
"Ve ne parlai già a suo tempo, quando il tedesco fu scoperto ed arrestato.
"Il Pluschow teneva a propria disposizione un centinaio di giovanetti, li fotografava isolatamente e in gruppi in pose diverse e spediva le fotografie alla numerosa clientela sparsa in tutto il mondo, composta di persone dal costume depravato.
"Questi compravano le fotografie, formato gabinetto, ordinavano l'ingrandimento a carbone dei soggetti preferiti e spesso chiedevano pure l’invio del soggetto.
"Vedremo così, quanto prima ai Filippini un centinaio di giovani dai 16 ai 20 anni i quali deporranno sulle abitudini dei… nemici delle donne. Il processo avrà luogo a porte chiuse."
 
"(Dal Berliner Tageblatt N. 32 del 1 febbraio 1900): Roma 1, notte "Il nostro connazionale Guglielmo Pluschow è stato oggi condannato da questo tribunale ad un anno di reclusione su conforme richiesta Pubblico Ministero, essendo risultato colpevole dello annunciatovi spaccio di ritratti osceni e fotografie omosessualiste. Il Pluschow sarà espulso dal territorio italiano".
 
E mi pare che basti per giustificare le bugie e le papere attribuitemi dal corrispondente ordinario - toh! chi si rivede? il corrispondente ordinario dell'"Azione" da Taormina. Ma bene, bene... ne prendiamo atto anche per altre faccende - il quale non si risente e questo è strano, del tu datogli confidenzialmente nell'articolo polemico precedente, quasicché fosse davvero colui al quale intendevo di alludere.
 
Vale la pena di ritornare sulle altre mie denunzie che egli si limita, con comodissimo sistema, a qualificare false e bugiarde nonché inverosimili?
Mi pare che no, dal momento che, in questa parte, quella tale buona fede di cui l'avversario ama tanto parlare di continuo, cominci ad esultare e, stavolta, mi dispiace, non proprio dal canto mio.
E veniamo al ... "onesto fotografo che vive esclusivamente del suo modesto lavoro e che per due volte o più fece pagare care le balorde accuse dei suoi denigratori davanti ai tribunali; ed ho anche potuto vedere la somma sborsata, circa 1000 lire, dai suoi detrattori volgari che si affidarono alla generosità dell'offeso".
Qui, mio burbanzoso quanto anonimo contraddittore, meritate una mia congratulazione sincera: avete la faccia più dura del cervello di Pirocorvo ed io vi consiglio a domandare un impiego di spaccapietre.... col materiale bronzeo della vostra fisionomia.
Ah. Il Gloeden ha sbaragliati i suoi assalitori? Giudichi il pubblico da questo documento:
 
IL NUOVO IMPARZIALE
                                                 Messina, 1 agosto 1894
Per una querela
Taormina, 1 agosto 1894                           
 
La Gazzetta di Messina nel suo N. 177 riferisce di una dichiarazione fatta in favore del chiarissimo sig. W. von Gloeden dai signori Adolfo Werther Fischer, Otto e Angelo Gelenz (sic!), Pancrazio Siligato, che erano stati con citazione direttissima querelati dal sig. Gloeden per diffamazione.
Il fatto è vero: ma ora che si è avuta tanta fretta di divulgarlo, bisogna per debito di lealtà che sia esso chiarito nei suoi precedenti e nella sua conclusione.
Il chiarissimo von Gloeden il giorno 11 ultimo luglio, querelava i suddetti signori, perchè si erano permessi di propalare che il querelante (il chiarissimo signor von Gloeden commetteva delle azioni infamanti ed oscene determinate dal vizio della sodomia.
Per legge l'imputato del delitto di diffamazione non è ammesso a provare, a sua discolpa, la verità, o la notorietà del fatto attribuito alla persona offesa: Né il querelante (il chiarissimo von Gloeden), che pur ne ha facoltà per legge, si piacque ammettere i querelanti alla prova dei fatti.
Per tanto in tribunale non si sarebbe potuto discutere intorno alla verità dello addebito e gentiluomini provati, c'erano stati mossi, in buona fede, da un nobile ed elevato sentimento di pubblica moralità, avrebbero dovuto passare per diffamatori volgari.
Chi ha coscienza sicura di sé, e va innanzi il magistrato per tutelare l'onor suo, deve volere una sentenza che riconosca la sua onorabilità, dimostrando la insussistenza delle accuse.
Ma, nel modo come si è regolato il signor Von Gloeden, questo risultato sarebbe stato impossibile e si sarebbe avuto uno scandalo inutile e nocivo per tutti.
A scongiurare fin l'ombra dello scandalo due benemeriti cittadini, che furono anche coadiuvati in Messina dall'opera conciliante ed onesta degli avvocati del querelante e dei querelati, riuscirono ad ottenere, da questi ultimi, la dichiarazione, che, come si è detto sopra, fu pubblicata dalla Gazzetta di Messina.
Con questa dichiarazione, che il chiarissimo signor von Gloeden ritenne di competa riparazione, si ebbe la desistenza della querela, dopo che dai querelati si pagò al signor Gloeden la sommetta di L. 896!!!
Uno degli interessati in questa dolorosa vertenza, il signor Adolfo Werther Ficher (sic!), che solo o in compagnia della sua nobile e bella signora, passa varii mesi dell'anno qui, ove possiede un gaio villino, è partito da varii giorni per Vienna.
Ecco dunque, e non per bocca mia, il mezzo di cui si è avvalso il Gloeden per tutelare il proprio onore e la propria dignità! dar querela senza facoltà di prova a chi lo accusava di cose turpi.
E fra gli accusatori - non uno ma quattro - c'erano tre tedeschi suoi connazionali, ed un italiano! Tutta gente che agiva per spirito di avversione al male, che ha parlato assai sulla dignità del Gloeden e che... come il lupo, ha perso il pelo ma non il vizio di dir la verità, per cui chi è in difetto farà bene a guardarsi allorquando l'Illustrissimo Procuratore del re avvertirà il dovere di interrogare i signori Adolfo Werther Fischer, Otto ed Angelo Geleng e Pancrazio Siligato.
Vorrà il disinvolto polemizzatore affermare che questi nomi sono anche.... delle menzogne?!
"Attendo dunque una sola e breve risposta dal corrispondente di Giardini: Ho presentato a Magistrato i documenti di tutto ciò che ho asserito".
Ecco dunque come il mio egregio contraddittore, dopo uno stereotipato attacco ai soliti informatori, dopo un attributo di coraggioso per cui lo ringrazio, dopo la solfa ripetuta che non sono io a scrivere ma gli altri a dettare, formuli la risposta che io gli dovrei dare in linea definitiva.
Mi sembra che ciò sia ozioso.
Questa risposta io gliela ho ammannita fino dal primo articolo e se gli torna grata, gliela ripeto ora.
Sissignore: il signor Procuratore del re può venire o mandare: io tengo in mio potere documenti scritti e documenti umani: anzi:, uno di questi ultimi... siete proprio voi, che nel corso della polemica mi avete forniti non disprezzabili elementi di accusa. Io vi farò interrogare, se vi deciderete  a togliervi quella maschera che non vi fa onore. Frattanto datemi atto che una delle più belle prove è senz'altro il silenzio di Gloeden. Io l'offendo ed egli tace... Salvoché non parli colla vostra bocca o non unga le ruote del vostro zelo per lui.
Perchè tace?
Perchè non querela?
Perchè ha ritirato dalla vendita le sue fotografie sul genere di quelle da me poveramente descritte?
Signor avvocato di W. von Gloeden e patrocinatore legale della Tavola Rotonda: vi lascio a meditare su questi interrogativi, con l'augurio di conservare integro il vostro fisico in tale compagnia! Purché l'augurio non giunga troppo tardi.
 
Taormina, 26 Maggio 1908
 
Umberto Bianchi

Vedi "Catania, 1908: Von Gloeden e il commercio di giovani da parte dei tedeschi.".

Metto a disposizione i libri e le ricerche che ho scritto a titolo gratuito, dopo averne riacquisto i diritti. Hanno richiesto approfonditi studi presso archivi di Stato, tribunali e biblioteche; se vuoi contribuire con un'offerta libera, sarà un gesto apprezzato, utile a sviluppare nuovi lavori: per essere comunità noi gay, lesbiche e persone transessuali dobbiamo dimostrare di avere una nostra cultura, un patrimonio identitario.
Clicca qui per Paypal, Postepay e Conto corrente.


pagina degli articoli di fine '800 - inizi '900
pagina degli studi e delle ricerche gay
www.oliari.com