HOME PAGE DI ENRICO OLIARI
LE MIE INTERVISTE (continua)

MAURIZIO RUGGIERO, DI SACRUUM IMPERIUM

Pride, gennaio 2002

Voci dell'altra sponda

 

"Sacrum imperium" (che vuol dire sia "Sacro Impero, sia "sacro comando") è un'associazione di cattolici tradizionalisti (anzi, ultra-tradizionalisti), che ha sede a Verona, città che pare avere una particolare predisposizione a creare associazione super-tradizionaliste. La rubrica di "Pride" riservata a quanti hanno obiezioni contro l'omosessualità è dedicata questo mese a un suo esponente: Maurizio Ruggiero.

 

Lei è coordinatore dell’associazione “Sacrum Imperium, cattolici tradizionalisti”. Di che si tratta?


L’associazione è l’erede a Verona di una più grande associazione europea che si chiamava “anti Ottantanove”, cioè un cartello di associazioni nate nel bicentenario della nefasta Rivoluzione francese per controcelebrare la medesima e quindi per onorare gli stati esistenti prima del 1789, distrutti dall’infausto evento.
L’obbiettivo di “Sacrum Imperium, cattolici tradizionalisti” è quello di restaurare le antiche monarchie ispirate dal principio divino se non geograficamente, almeno di consolidarne i principi.
La Rivoluzione francese ha rappresentato un baratro spaventoso, un esplosione satanica senza precedenti e soprattutto ha distrutto quel principio sacrosanto che è la regalità sociale di nostro signore Gesù Cristo


E il principio di egalitè, libertè e fraternitè?


L’egalitè ha portato al comunismo, con cento milioni di morti, mentre la fraternite’ è stata voluta da una congiura massonica ispirata dai più bassi principi.


Ma allora qual è il momento più alto della storia?


Indubbiamente è stato il medioevo, cioè la cristianità. Allora si è cercato di arrivare ad una corrispondenza della legge degli uomini a quella divina.


Si praticava però l’Inquisizione, si bruciavano gli omosessuali…


Diciamo innanzitutto che la santa Inquisizione non è stato quel tribunale feroce fatto di torture e di agonie. Questa è l’immagine creata “ad hoc” dalla storiografia massonica o di stampo marxista. Pensi che in quattro secoli sono state condannate a morte solo duecento persone, cosa che la Rivoluzione francese faceva in un sol giorno. Si tratta di un mito, confutato dallo storico Jean Dumon, il quale ha riletto i processi e testimonia così una grande imparzialità ed una dovuta prudenza. Quello che urta la mentalità moderna è che esistesse un tribunale che emetteva i propri verdetti su una verità basata sulla morale.


Quindi se Lei auspica la Restaurazione degli stati medioevali, auspica anche il ripristino dell’Inquisizione?


In un contesto di ritorno agli stati della cristianità, sì.


Gli stati moderni, monarchie o repubbliche che siano, hanno Costituzioni, parlamenti, rappresentatività popolare…


Non c’è nulla da salvare di quello che è nato dalla Rivoluzione francese. Essa fu un’esplosione satanica e di odio anticattolico, di massacri senza precedenti. Ha voluto la libertà da Dio e contro Dio, ha portato al suffragio universale, all’aborto ed a altre perversioni della società moderna.


E l’omosessualità?


La sodomia può trovare solo un giudizio negativo già come fatto privato, assai più quando essa viene sbandierata come pubblico modello.


Che significa “pubblico modello”?


Si veda ad esempio tutte le manifestazioni del Gay Pride, con le quali si rivendicano presunti diritti che di fatto non esistono. In esse vengono proposti modelli di vita che non solo sono anticristiani, ma anche antinaturali, sui quali non possiamo trovare nessuna concordanza. E’ una barbarie moderna.


Nel medioevo si bruciavano gli omosessuali. Che pena infliggerebbe ai sodomiti odierni?


E’ una leggenda il fatto che nel medioevo esistevano simili condanne. [nota della redazione: esistono migliaia e migliaia  di verbali dei processi con l 'annotazione dell'esecuzione della sentenza. Nella sola Venezia ce ne sono alcune centinaia!]. Tuttavia vorrei sottolineare che non è un problema di pene, anche perché un cattolico deve mirare al bene soprannaturale. L’omosessualità non solo è un peccato aberrante, ma anche è uno di quei quattro peccati che grida vendetta al cospetto di Dio, con l’omicidio volontario, l’oppressione dei poveri e lo sfruttamento degli operai.
Per quando riguarda eventuali sanzioni civili, esse dovranno essere valutate in luce di una nuova società restaurata e comunque solo quando sono attinenti a quelle che possono essere le relazioni pubbliche, cioè non riguardanti la sfera privata. Non siamo calvinisti, la persona se la deve vedere col confessore e con Dio.


I gay lottano, tra l’altro, per i diritti alle coppie gay…


Nessuno può avere diritti in quanto omosessuale. Non esiste nessun tipo di tutela giuridica o di diritto che possa essere dato ad una coppia contronatura.


Quindi no anche all’adozione, alla reversibilità della pensione, all’accesso agli alloggi popolari?


Il no all’adozione è fuori discussione, come è impensabile qualsiasi istituto che in qualche modo possa consentire l’esistenza della coppia omosessuale.


Ed in particolare del World Gay Pride di Roma, attuato in pieno Giubileo?


E’ stata un’escrescenza tumorale di una società depravata. Io ho addirittura dei dubbi sulla libertà d’espressione, altro che certe scene viste a Roma in quell’occasione. Bisogna ricercare la verità, e quella del Gay Pride non è certo verità.


Chi stabilisce qual è la verità?


“Io sono la via, la verità e la vita”, dice Gesù. “Chi non semina con me, disperde”. Ora Dio è la verità dell’ordine naturale, ma l’uomo moderno mette in discussione persino quale sia la verità dell’ordine naturale. L’uomo moderno non solo mette in discussione la santissima Trinità. Ma addirittura la famiglia naturale, fatta da uomo e donna.


Esistono dei gruppi di omosessuali cristiani. Che ne pensa?


Quello che posso augurare a queste persone è sicuramente la conversione. Ci sono addirittura alcuni santi che avevano questa propensione, ma…


Quali santi?


Si dice che sia sant’Alfonso de Liguori, di cui io ho una grandissima devozione. Ma come si è santificato Alfonso de Liguori? Non assecondando le sue passioni e le sue perversioni, ma vincendole attraverso la grazia e la fede. Come io controllo me stesso,  che sono eterosessuale, non assalendo tutte le ragazze che trovo per strada, si può chiedere a chi è omosessuale di controllare questo tipo di pulsione, utilizzando gli strumenti della preghiera e della grazia.
La particolarità dei gruppi omosessuali cristiani è quella che essi vorrebbero vivere sulla terra in compagnia del demonio e poi vivere nell’aldilà con Dio. Non è possibile avere la botte piena e la moglie ubriaca, la cosa non sta in piedi.
 

Il catechismo della Chiesa cattolica scrive che possono esistere le coppie omosessuali, a patto che però si astengano dall’avere rapporti sessuali. Che ne pensa?
 

Noi riconosciamo solo in catechismo di san Pio X o meglio ancora il catechismo romano dell’epoca del concilio di Trento, cioè quello do Pio V. E’ vero che in linea di principio vi possano essere persone omosessuali che vivano in una coppia omofiliaca, ma resta il problema dello scandalo, che il nuovo catechismo non considera e che invece la dottrina tradizionale considerava. Inoltre la pastorale saggia vuole che non si crei la condizione di mettere in tentazione la persona. Sarebbe come mettere un cleptomane a fare il cassiere al supermercato.


E gli scandali sui sacerdoti gay o addirittura pedofili?


I peccatori ci sono sempre stati. La differenza è che un tempo il peccatore riconosceva il proprio peccato, mentre oggi no. Io penso che i sacerdoti di oggi, che hanno abbandonato il concetto di santificazione tradizionale, di fuga dalle occasioni col rifugio nella preghiera, sono più fragili e vulnerabili.


In sempre più paesi d’Europa vengono approvate leggi sulle Unioni civili o sul matrimonio fra persone dello stesso sesso e quindi viene adempito l’invito dell’Unione a rispettare la risoluzione del Parlamento di Strasburgo…
 

Si tratta di una decisione dell’eurocrazia socialista di Bruxselles, che rappresenta solo un’area di sinistra ben definita. Siamo di fronte ad un’azione delle lobbyes omosessuali che spingono all’omosessualismo. Io sono convinto che se si andasse a votare vincerebbe il no all’omosessualismo, ma i rappresentanti sono di area progressista e molti di essi sono addirittura proclivi all’omosessualismo, pronti cioè a far passare le risoluzioni a favore dei gay. Ecco perché certi paesi tristemente noti per certe posizioni come l’Olanda, adottano leggi così estreme.


Si può paragonare il suo movimento a Forza Nuova?


C’è una differenza molto grande: i movimenti di destra si ispirano al fascismo sono comunque movimenti moderni, mentre noi siamo movimenti antimoderni, o meglio premoderni. Rifiutiamo la modernità. Si intende, quella ideologica, non tecnologica.


Anche Forza Nuova ha delle forti prese di posizione contro i diritti degli omosessuali…


Se anche Forza Nuova ha delle posizioni antiomosessuali, bene per loro. Bisogna tenere conto però che noi ci rifacciamo sempre alla destra di quelli che siedono alla destra del Padre. La destra a cui noi ci rifacciamo è una destra metafisica di tipo tradizionalista e comunque sempre antecedente al 1789 (la Rivoluzione francese, ndr). Noi col fascismo e col risorgimento non abbiamo nulla a che fare.


Cos’ha votato alle ultime elezioni?


Vorrei premettere che noi speriamo di non votare mai più, in quanto lottiamo per la restaurazione delle monarchie di ispirazione divina o delle repubbliche patrizie, com’era quella di Venezia. La democrazia è una grande pagliacciata basata sul falso dogma della sovranità popolare. Io comunque ho votato Lega.


La Lega era favorevole al matrimonio omosessuale fino a un paio d’anni fa, mentre ora è uno dei più accesi nemici della coppia gay…


Vuol dire che la conversione è possibile.


In una battuta: Franco Grillini è il demonio?


No, il demonio è molto peggio di Grillini. Grillini tuttavia è un buon servitore del demonio.

Rubano, 14 ago 01


pagina delle interviste
home page di enrico oliari